Approfondimenti

Curiosità e segreti dal mondo HO.RE.CA. e non solo

Cocktail 2022 sobri e sostenibili. Nell’anno dei sober curious anche l’estetica farà la sua parte

La sobrietà nel bere è tra le tendenze che caratterizzano la mixability e il consumo di bevande alcoliche del nuovo anno. E la parola sober curious coniata nei paesi anglosassoni dove il movimento si starebbe affermando, rafforza la novità 2022. I curiosi della sobrietà sono consumatori alla ricerca di più esperienze organolettiche e per questo scelgono drink a bassa gradazione alcolica senza però rinunciare all’alternanza con l’alta gradazione. Questo per il bartender significa prepararsi alla richiesta di ricette più sobrie e anche a zero alcol. La crescita nel quinquennio 2019-2024 del resto era già stata annunciata e quanto abbiamo visto fare in questo anno, per esempio, alle aziende produttrici di birra con i loro cataloghi alcol free, ha seguito di fatto una strada già tracciata.

Ciò che si beve nel 2022 dovrà anche essere sostenibile, come sempre ma più di sempre. Al consumatore dovremo offrire un cocktail di qualità. Meglio ancora se tale cocktail nei suoi prodotti miscelati sia espressione del territorio. Come? Attraverso vini per esempio di uve conferite dai soci viticoltori, distillati che raccontano la storia di un territorio e la filosofia dei suoi produttori, produzioni artigianali e locali che derivino da processi produttivi etici e a basso impatto ambientale. Si continuerà a bere anche nel 2022 ma con più piacere e consapevolezza da parte dei consumatori di cocktail, attenti di anno in anno a verificare se ciò che bevono sia oltre che buono anche sostenibile.

Le due tendenze del bere miscelato, sobrietà e sostenibilità, sono riportate nell’annuale Report del gruppo Bacardi redatto in collaborazione con la società di ricerca The future Laboratory. Nel report si parla anche di lusso abbinato al concetto di cocktail. Bere sarà un piacere lussuoso che si abbinerà a ingredienti di fascia premium ma anche a un gusto che meno avrà a che fare con le papille gustative e molto di più con l’occhio. Per il garnish diventano fondamentali rosmarino, timo, bacche di ginepro, pompelmo, scorza di limone, tutti ingredienti semplici ma che devono essere di prima scelta. Anche i bicchieri faranno tantissimo nella scelta del cocktail, dallo stile vintage a nuovi strumenti e nuove forme come i bicchieri a gufo e a pipa. Design tutti che permetteranno di esaltare l’originalità del bicchiere per cocktail ma che inevitabilmente finiranno per trascinare il giudizio anche sul suo contenuto.