Approfondimenti

Curiosità e segreti dal mondo HO.RE.CA. e non solo

Cocktails, deliziosi agli occhi ma anche green e zero proof. Ecco cosa serviremo quest’estate

Dovessimo descriverli per parole chiave, i cocktails dell’estate 2019 si annunciano sostenibili, ibridi, instagrammabili e anche analcolici. L’ordine non è privo di senso considerato che oramai tutti i bartender hanno sposato la filosofia della sostenibilità ambientale e l’attenzione all’utilizzo di materiali di recupero è diventata un must. Sull’onda della nostalgia, quest’estate serviremo anche cocktails ibridi che rivisitano ricette dove la fusione tra i distillati rende il drink più speciale. E’ il caso della vodquila, distillato nato miscelando proprio la vodka e la tequila o la rumquila o ancora il Cocktail Nuvo con vodka e spumante. Un buon cocktail se è anche delizioso agli occhi, si presta ad essere fotograto e condiviso. Instagrammato, cioè.

 

Pink Gin, l’instagrammabile

Spazio allora ai colori e ancora alla nostalgia che nel Pink Gin trovano la loro giusta miscelazione. Ghiaccio, gin e poche gocce di Angostura e il cocktail creato dai militari della Royal Navy inglese, è servito.

 

Tea Tonic, il drink zero proof

II cocktail dell’estate 2019 a zero gradazione alcolica si ispira al coffee tonic e combina i sapori del tè nero, dello sciroppo d’acero, dell’acqua tonica e del distillato non alcolico Seedlip Spice 94 che impiega botaniche quali pepe di Jamaica, corteccia di Cascarilla, limone, pompelmo, cardamomo e quercia. Ecco gli ingredienti:

  1. 30 ml tè nero infuso a freddo
  2. 60 ml Seedlip Spice 94 
  3. 22 ml sciroppo d’acero
  4. 90 ml acqua tonica

 

Mai Tai Fabergé, o l’arte di bere green

Il cerchio si chiude sempre sulla parola chiave sostenibile. O se preferiamo eco-friendly. Ma con un tocco “imperiale” se il Mai Tai riposa in una sfera di cioccolato fondente e diventa Mai Tai Fabergé come le uova Fabergé, quei prodotti d’alta gioielleria che il famoso orafo russo realizzava alla corte dello zar nello stile delle uova di Pasqua. Qui il cioccolato viene preparato con cacao del Venezuela all’82% e il bello di questo cocktail è che dopo l’ultimo sorso, si mangia. Al suo interno il mix è stupefacente: rum della Martinica, cognac, frutta caraibica, sentori di mandorle, lime, ginger, guava e mango. Da servire rigorosamente con cannucce di vetro. Davvero il cocktail d’eccellenza dell’estate 2019.