Approfondimenti

Curiosità e segreti dal mondo HO.RE.CA. e non solo

Corre inarrestabile il biologico anche nel 2021. Bio autentico e di valori, la scommessa di ZONA

Non c’è da stupirsi. Anzi che il trend continuasse inarrestabile la sua corsa anche nel 2021, era storia già scritta. Quella del biologico, appunto, una storia che ha preso quota ancora di più nell’anno della pandemia e sta giocando un ruolo trainante anche in questo 2021. La correlazione fra biologico, salute e ambiente, è stata più che mai forte nell’anno dell’emergenza sanitaria, consolidata dall’idea che il nostro sistema immunitario si fortificasse grazie a un’alimentazione sana di cui la parola bio è la rappresentazione più concreta di cibo buono, fresco, non manipolato.

Le riaperture a singhiozzo nella ristorazione, hanno avuto ripercussioni importanti sulla filiera agroalimentare proprio in un momento in cui distribuzione e aziende agricole, avevano rinsaldato le loro collaborazioni in nome della territorialità e dell’autenticità del prodotto. E mentre le politiche agricole mettono in campo nuove leve per la ripartenza, la resilienza dei professionisti, in tempi di particolare attenzione alla nostra salute e a quella della terra e della natura che ci circonda, sdogana nuovi format in cui il biologico si candida a diventare un modello di business.

Lo ha capito da tempo il canale della distribuzione che ha rafforzato la propria offerta con una proposta di prodotti biologici che nulla ha da invidiare ai negozi specializzati. Perché farine, pasta e cereali bio si possono acquistare anche all’ingrosso, grazie a un’offerta diversificata e garantita da marchi riconosciuti ma anche da piccole e medie imprese dell’agroalimentare. E lo stesso carni, formaggi e vini, questi ultimi tra i prodotti più penalizzati nel 2020 dallo stop dell’enoturismo e dalle riaperture altalenanti di bar e ristoranti.

Nel frattempo si continua a puntare al biologico. Come risposta più concreta alla ricerca di salute e benessere, anche ZONA scommette sul bio. Le farine biologiche integrali, il farro integrale biologico e perlato, l’orzo perlato biologico, la pasta Rummo bio integrale, i tortiglioni bio con farro De Cecco, le passate e le polpe Petti con datterini biologici. Ma anche le uova, le marmellate e i cereali, il caffè verde biologico Lavazza a Modo Mio. Nell’assortimento di ZONA, ci sono i brand di largo consumo e marche più legate al territorio come Ginepraio dell’azienda di Pontedera, Levante Spirits, che produce un gin biologico realizzato esclusivamente con prodotti biologici toscani e lavorati in Toscana. O la Vodka toscana dell’azienda del Mugello Futa Srl, ideatrice del brand VKA, solo materie prime di eccellenza come grano e farro biologici e acqua proveniente dall’Appenino Toscano. E poi i vini, Nero d’Avola DOC Bio, Syrah DOC Bio, Vermentino Bio IGP, Rosso di Montalcino Col D’Orcia 2018 certificato bio. Un bio autentico e di qualità quello di ZONA. L’azienda nel 2018 ha ottenuto la Certificazione per la Commercializzazione di prodotti biologici, dopo aver superato i severi controlli di BioAgriCert.