Approfondimenti

Curiosità e segreti dal mondo HO.RE.CA. e non solo

Fidelity Card, anche con l’asporto carte e voucher digitali “aumentano” la relazione nel tempo

Con il servizio di cibo da asporto, oggi più che mai incrementato e implementato nella qualità, la tessera fedeltà può rappresentare ancora un’opportunità importante per fidelizzare i tuoi clienti. Con una significativa novità: la relazione nel tempo e fuori da confini precisi. In questi mesi si è scoperto come messaggi del tipo “per te al nostro ristorante questo prezzo riservato” vengono sempre più sostituiti da: “a questo prezzo i pasti che vuoi, quando e dove vuoi”. La novità sta nel dare valore alla relazione in un tempo e in uno spazio oramai indefiniti o almeno per il momento, non più coincidenti con un preciso spazio fisico che fino a poco tempo fa era identificabile nel ristorante. Per invogliare il cliente a richiedere nuovamente il cibo ordinato su consegna, si può pensare, per esempio, che ogni 5 consegne, una sia gratuita. O ipotizzata una soglia percentuale, potrà accadere che il cliente si vedrà caricato sulla carta una cifra che potrà utilizzare in tutto o in parte dalla consegna successiva.

La carta fedeltà permette anche di premiare il cliente abituale che consuma prodotti da asporto o di promuovere la fidelizzazione di nuovi clienti, con un piatto omaggio ogni tot pietanze ordinate (o consegne effettuate). Non mancano i software che permettono numerose funzioni in questo senso, programmi per ristoranti utilizzabili o da un pc o da un POS o anche tramite smartphone grazie ad una App.

Da quando la ristorazione è diventata in maniera così massiccia anche consegna a domicilio, un modo per incentivare il contatto col cliente è l’invio digitalizzato di un voucher. Una tessera fedeltà digitale, cioè, che consente di aggiornare il tuo cliente a distanza, sui suoi sconti premio o sui prodotti omaggio. Senza che lo debba fare chi consegna il cibo a casa. O più semplicemente un voucher da usare nei confronti di un cliente che è particolarmente fedele o verso coloro con cui c’è stato qualche disguido nella consegna. Con l’obiettivo di raggiungere il premio fedeltà o di ricevere sconti, la carta fedeltà porterà il cliente ad essere più costante nel tempo. Per il ristoratore questo potrà tradursi in un aumento dello scontrino medio e in ricavi costanti nel tempo.

Monitorare abitudini di acquisto e tipologia di spesa sarà decisivo per personalizzare il tipo di omaggio per il vostro cliente. Comunicare con lui in maniera personalizzata su una promozione o su una novità del servizio, farà la differenza rispetto a un messaggio massivo. Per fare questo però occorre poterlo contattare o tramite sms o email. La richiesta di questi contatti, è imprescindibile dall’avvio di una comunicazione personalizzata. Se però il cliente non gradisce, è bene subito accondiscenderlo.