Approfondimenti

Curiosità e segreti dal mondo HO.RE.CA. e non solo

Inserimento di attività vendita per asporto e/o consumo sul posto all’interno di botteghe esistenti

bottega

Riguardo all’attivazione all’interno di una bottega (identificata come esercizio di vicinato) della vendita di prodotti da asporto e/o consumo sul posto, quali ad esempio primi e secondi piatti freddi, insalate, ecc., si precisa che un esercizio di vicinato (bottega) può effettuare esclusivamente la “somministrazione non assistita”, perciò per l’inserimento dell’attività di asporto e/o consumo sul posto, dovrà essere presentata una SCIA amministrativa per variazione dell’attività, ai sensi della seguente normativa: 

TOSCANA: Titolo II, art. 15, della Legge Regionale Toscana 62 del 23/11/2018 e smi. Clicca QUI per consultare la normativa della regione Toscana.

SARDEGNA: Titolo II, Art. 4, della Legge Regione Sardegna 5 del 18/05/2006 e smi. Clicca QUI per consultare la normativa della regione Sardegna.

LIGURIA: Capo III, sezione II, artt. 18, della Legge Regione Liguria 1 del 02/01/2007 e smi. Clicca QUI per consultare la normativa della regione Liguria.

 

Occorre inoltre aggiornare sia la notifica sanitaria dell’attività, nonché il piano di autocontrollo HACCP, ai sensi della seguente normativa: 

Aggiornamento sanitario: art. 6 del Regolamento CE 852/04 del 29/04/2004 e smi. 

Aggiornamento piano autocontrollo: art. 5 Reg. CE 852/04 del 29/04/2004 e smi. 

Per la consultazione della normativa, cliccare sui seguenti link, relativi al testo del regolamento 852/04 e alle line guida applicative dello stesso. 

https://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2004:139:0001:0054:it:PDF 

https://www.latik.it/contenuti/allegati/linee_guida_pacchetto_igiene_fvg_4.pdf 

Si precisa che l’esercizio, dovrà dotarsi degli spazi necessari alla preparazione dei prodotti nonché possedere i requisiti igienico-sanitari minimi previsti dalla vigente normativa. Altresì è possibile consumare i suddetti prodotti sul posto, nei locali a servizio dell’attività ove presenti, prevedendo l’allestimento degli spazi con attrezzature ed arredi (sedie, tavoli, vettovaglie, ecc.). Nel caso di consumo sul posto, si ribadisce che la somministrazione sarà del tipo “non assistita”. 

 

TOSCANA: le suddette pratiche andranno inviate tramite STAR, ovvero il portale per le pratiche telematiche della Regione Toscana, dove indicare la provincia e il comune di riferimento. Una volta entrati occorrerà scegliere il codice Ateco dell’attività di riferimento ed attivare gli endo-procedimenti amministrativi e sanitari necessari. 

SARDEGNA: le suddette pratiche andranno inviate tramite il portale “sardegnaimpresa” dello specifico comune ove si richiede l’attivazione, cliccando su “accedi al servizio”. 

LIGURIA: le suddette pratiche andranno inviate tramite il portale dello specifico comune dove si richiede l’attivazione, nella sezione dedicata ai servizi on-line. Per fare un esempio pratico, di seguito si indica il link per l’accesso al portale del comune di Sarzana, andando nella sezione “Sarzana Digitale” e cliccando nel sotto paragrafo “Servizi on line” previa iscrizione al servizio.