Approfondimenti

Curiosità e segreti dal mondo HO.RE.CA. e non solo

L’estate e i cocktail bar rivisitati della mixability 2020 tra spezie, frutta e whiskey

cocktail estate

Una drink list nuova come buon auspicio per una ripresa tutta estiva che celebri i cocktail bar 2020. Potrebbe ripartire da qui la nuova stagione dopo una lunga attesa che ha visto accantonata per mesi una delle abitudini più amate dagli italiani, quella dell’aperitivo. Dopo i classici Caipiroska e Mojito, l’estate 2020 può prendere il via da uno dei cocktail che, nome a parte, ha tutto d’italiano, l’Americano ma in una versione più aromatica. L’Americano speziato prevede pepe, cannella, cardamomo e anice da pestare con il gin e da lasciare in infusione per 5 minuti e da setacciare poi prima di aggiungere del ghiaccio. Le spezie richiameranno il vermut dell’Americano classico rendendolo più aromatizzato.

Il Cobbler in Italia è sempre stato un drink di nicchia. Ha origini inglesi ma si presta ad essere bevuto molto per la sua leggerezza. Sostituire con del miele il cucchiaino di zucchero fine base della ricetta, può rendere la bevibilità di questo drink ancora più fruttata.

Per dare un tocco di estività vera il Negroni e il Bellini sono due aperitivi classici che possono essere rivisitati con Sanbitter Rosso il primo, con San Bitter Dry il secondo, prodotti non contenuti nella ricetta base di preparazione.

Il Nikky Beach è il cocktail da spiaggia per eccellenza che può essere ripensato con l’aggiunta di lampone o passion fruit.

Un cocktail fresco a base di bourbon whiskey è il Whiskey Sour. E’ necessario utilizzare un bourbon whiskey come il Wild Turkey perché il suo gusto affumicato viene bilanciato dal succo di limone. Lo sciroppo di zucchero è preferibile allo zucchero semolato. La variante più nota del Whiskey Sour è il Vodka Sour, secco e ghiacciato, ideale da bere in estate. Fresco e gustoso, perfetto per l’ora dell’aperitivo. Attenzione però a non sottovalutarne il grado alcolico.