Approfondimenti

Curiosità e segreti dal mondo HO.RE.CA. e non solo

OX-ICE: la barriera naturale contro le contaminazioni accidentali

Il ghiaccio alimentare necessita di standard di sicurezza e del rispetto di determinate regole volte ad assicurare la massima igiene, affinché non subisca, nei vari processi di produzione e manipolazione, alcuna contaminazione.

Ice Cube ha quindi elaborato, a seguito di diversi mesi di ricerca, OX-ICE, un innovativo processo produttivo che conferisce al ghiaccio una barriera naturale contro le contaminazioni accidentali che possono avvenire durante l’utilizzo. In collaborazione con DNV, ha definito un nuovo standard per la certificazione di prodotto relativa a questa nuova tipologia di ghiaccio, che a tutti gli effetti assicura massima sicurezza dal punto di vista igienico sanitario rispetto al ghiaccio convenzionale, alto potere refrigerante e grande fruibilità.

Nello specifico la barriera protettiva contro le contaminazioni accidentali provenienti dall’esterno viene ottenuta attraverso l’arricchimento di ossigeno attivo dell’acqua, nella fase che precede il congelamento. I test effettuati su OX-ICE, in comparazione col ghiaccio normale, hanno dimostrato un fortissimo abbattimento delle cariche batteriche nel caso di contaminazioni alte e una riduzione al di sotto della soglia limite per le acque potabili, e quindi nei limiti di conformità del prodotto, nel caso di contaminazioni lievi o moderate.

I prodotti Ice Cube che presentano questa tecnologia sono High Performance, cilindretti forati di acqua purissima dall’alto potere refrigerante, e ICE3 Crushed, gemme di ghiaccio da acqua purissima dall’alto potere refrigerante.