Approfondimenti

Curiosità e segreti dal mondo HO.RE.CA. e non solo

“Ristoratore carta e penna? No digitale? Ahi, ahi, ahi”. Il cliente contemporaneo del post pandemia

Non nascondiamoci dietro un dito. Se decidiamo di rimanere nella ristorazione con carta e penna, non lo facciamo perché una certa clientela non è pronta. In genere finora l’associazione è stata fatta con un cliente non più giovanissimo o giovane e spesso proprio quel tipo di cliente è diventato il pretesto per rinviare soluzioni digitali. Ma ora non più. Dopo la pandemia il consumatore contemporaneo, sia 70enne che 20enne, apprezza l’uso di strumenti digitali legati al Food&Beverage e spesso nel formulare il suo giudizio, lo dichiara anche nelle recensioni, riservando un commento non positivo per chi non li usa.

Prendiamo le prenotazioni on line. Sicurezza e praticità sono evidenti nella gestione digitalizzata: si evitano gli assembramenti e si monitorano le richieste. L’utilizzo dell’on line facilita i rapporti col ristorante migliorando nel contempo l’immagine del locale. Inoltre si possono avere tanti dati sulle preferenze della clientela, orari e giorni di prenotazione e anche sulle scelte dei piatti se offriamo il Menu digitale. Il nostro locale diventa cioè un data driven e in questo possiamo lavorare sulla fidelizzazione dei nostri clienti.

A proposito di Menu digitale: non solo QR Code da inquadrare con tutti vantaggi in termine di igiene e risparmio di carta. Ma anche soluzioni per ordini digitali che arrivano direttamente in cucina. I gestionali più all’avanguardia oggi consentono di inserire variazioni nella comanda. Sempre più spesso il cliente chiede modifiche rispetto al Menu e riuscire a garantirle senza problemi significa offrire un servizio di qualità che non delude le aspettative. Anche il conto è presto fatto: è calcolato già dal sistema gestionale e pronto ad essere consegnato al momento del pagamento. Tutte le operazioni vengono velocizzate e con questa modalità, il sistema dimostra tutta la sua efficienza per chi punta a incrementare al massimo la redditività del ristorante.

C’è poi tutto il mondo del delivery che si serve di App specializzate nella consegna a domicilio. Lato ristorante, i costi di commissione sono diversi da piattaforma a piattaforma ma vi possono accedere sia ristoranti di fascia qualitativa media che alta. Non dimentichiamoci che sempre più consumatori scelgono queste piattaforme per ordinare cibo nella pausa pranzo o per una cena improvvisata di lavoro. Fra i giovani è molto diffusa come modalità di scelta ma per la comodità che offre, anche fra chi passa molto tempo tra pc, smartphone e tablet. Ci sono vantaggi e svantaggi dell’adesione a queste piattaforme. Parlando di questi ultimi, teniamo presente che il consumatore che sceglie il nostro ristorante, non è spesso e volentieri nostro cliente. E comunque la sua fidelizzazione non passa da noi ma dalle App.