Approfondimenti

Curiosità e segreti dal mondo HO.RE.CA. e non solo

Vini bianchi e rossi, il pesce li sposa entrambi. Con un segreto: la temperatura di servizio

vino e pesce

Sfatata in maniera definitiva l’idea che al pesce si abbini necessariamente un vino bianco, passiamo in rassegna i rossi e bianchi che serviti alla giusta temperatura, si abbinano in questa calda estate anche con molluschi e crostacei. Partiamo dai pesci dalla spiccata personalità e da una composizione più grassa che richiedono l’abbinamento a vini più strutturati. Un segreto per i rossi: in estate vanno serviti alla stessa temperatura dei bianchi.

 

Salmone e pesce spada

Un salmone o un pesce spada vogliono vini robusti, siano essi rossi o bianchi: per il rosso preserva l’abbinamento un buon Brunello di Montalcino Docg Riserva 2008 Poggio al Vento, nell’assortimento ZONA della Tenuta Col d’Orcia, dai tannini morbidi e maturi che non asciugano il palato, dotato di ottima struttura. In alternativa un bianco chardonnay come lo Chardonnay di San Michele Appiano, oggi considerato uno dei nomi più importanti dell’Alto Adige, vino magnificamente succoso, invitante e con una lunga persistenza.

 

Crostacei

Aragoste, astici, granchi e tanti altri frutti di mare, ben si abbinano con gli spumanti secchi come il Pinot di Pinot Brut o Donna Catherine, uno spumante metodo classico morbido ed elegante. Le bollicine esaltano i frutti di mare soprattutto se dal perlage finissimo. Tra i Franciacorta che ben si sposano con i crostacei, in promozione nei punti vendita ZONA è il Franciacorta Docg Dosage Nero che si abbina anche con cruditè di mare e pietanze a base di pesce.

 

Cacciucco e zuppa di vongole al pomodoro

Vini freschi come il Sangiovese ben si sposano con il profumatissimo cacciucco alla livornese: il Sangiovese I.g.t. Villa Calappiano o il Langhe Baccanera Lo Zoccolaio Cascina in Barolo, fresco, sapido e corposo al gusto, sono vini sufficientemente profumati e dai tannini più strutturati, adatti a piatti dalle cotture lunghe come i cacciucchi o le zuppe. Per l’intensità del cacciucco perfetto è anche il Langhe Dolcetto di Anna Maria Abbona. A questi piatti corposi, più difficilmente (ma non da escludere) sarà possibile abbinare un vino bianco.

 

Baccalà fritto e fritture

Ancora rossi con il lambrusco di Sorbara, dalla caratteristica freschezza ma anche il lambrusco Reggiano doc Campanone, rotondo, vivace e armonioso, si abbinano alle fritture, prime fra tutte al baccalà fritto. Il Franciacorta, classico delle bollicine, è perfetto anche con merluzzo e triglia fritti.