Brandy Crusta

Presentazione

È ora di mettere da parte le discriminazioni sul cognac e smetterla di associarlo solo a sigari accanto al fuoco e libri rilegati in pelle. Il cognac può anche fornire la base per un cocktail fresco.

La ricetta originale del Brandy Crusta nasce nel 1850 per mano di un bartender leggendario, uno dei protagonisti ottocenteschi della mixology di New Orleans: Joseph Santini. Da Trieste era immigrato a New Orleans, dove aprì uno dei saloon più rinomati della città: il Jewel of the South. Ed è qui che Mr. Santini inventò quello che è considerato uno dei cocktail più stilosi e importanti di tutta la storia della miscelazione. Il primo a trascrivere la ricetta del Brandy Crusta è stato Jerry Thomas, il quale l’ha inserita nel suo capolavoro: How to Mix Drinks or The Bon-Vivant’s Companion.

ZONA consiglia: il drink può essere presentato come before dinner o come after dinner. Nel primo caso potrete presentarlo con prosciutto jamon serrano e col pata negra. Nel secondo caso si sposa alla perfezione con pasticceria secca, mandorle e vaniglia.

TORNA ALL'ELENCO

Cosa occorre

Come si prepara

  1. Versare gli ingredienti nel mixing glass con ghiaccio.
  2. Mescolare e versare nel bicchiere raffreddato attraverso lo strainer.
  3. Guarnizione: Fetta di arancia (o limone) immersa nello zucchero bianco e strofinata attorno al bordo del bicchiere. Posizionare la buccia di arancia/limone all’interno del bicchiere.