faraona

Faraona all’uva

Presentazione

Piatto rinascimentale e autunnale e la bella Lucrezia come musa ispiratrice

I prodotti dell’autunno, verdure della terra, castagne, uva, erano anche quelli che più allietavano le sontuose tavole rinascimentali della famiglia de’ Medici, quelle di Cosimo, Lorenzo il Magnifico e Caterina de’ Medici ma anche dei Borgia, altra potente famiglia dell’Italia Rinascimentale. Come non ricordare il piatto ispirato, come si racconta, ai capelli della duchessa di Ferrara, Lucrezia Borgia? Le tagliatelle al sugo di germano pare siano state servite anche al banchetto di nozze di Lucrezia e Alfonso d’Este. E poi la faraona all’uva fatta alla maniera della bella Lucrezia. Sulle tavole rinascimentali si prediligevano pernici, piccioni ma anche grandi uccelli come fagiani, cigni, oche e il prezioso volatile, la faraona. Un Menu autunnale che racconta le origini di piatti famosi dell’Italia del Rinascimento, è quanto di più ricco di suggestioni si può proporre tra piatti toscani e non in questi giorni di autunno inoltrato. E la faraona all’uva è una portata di grande effetto per l’eleganza e la raffinatezza degli ingredienti che l’accompagnano.

La nostra ricetta include anche la salsiccia, oltre naturalmente a una buona dose di uva bianca, rigorosamente senza semi.

TORNA ALL'ELENCO

Cosa occorre

Come si prepara

  1. Disossare la faraona. Una volta stesa, spalmare sopra le due salsicce. Chiudere poi a doppio fazzoletto. Avvolgete la pancetta di maiale fresca intorno alla faraona con un filo da cucina.
  2. Nel frattempo preriscaldare il forno a 180°, mettere la faraona in forno e farla rosolare in poco olio. Dopo 10 minuti aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco e mezzo bicchiere di vin santo. Far sfumare entrambi i vini, unire la salvia, regolare di sale e pepe, aggiungere l’uva e cuocere a fuoco moderato. Continuare la cottura per altri 20 minuti. In forno la cottura richiederà in totale circa 1 ora.
  3. Se desiderate che la faraona prenda un colore ancora più rosato, quando sarà pronta, slegatela, togliete la pancetta e fatela rosolare ancora per qualche minuto. Dopo che l’avrete tagliata a pezzi, aggiungete infine la pancetta e l’uva.