God Father

Presentazione

Il cocktail è indiscutibilmente legato alle leggende relative all’Italian Mob, e cioè la mafia italoamericana negli USA, che imperversava nel mondo criminale del secolo scorso.

Ci sono due ipotesi che suggeriscono a chi fosse dedicato il drink, mentre l’origine del creatore è tutt’ora incerta.

Secondo la prima ipotesi il Godfather è un omaggio a Marlon Brando, amante del drink e protagonista del film “Il Padrino”, tratto dall’omonimo best seller di Mario Puzo e conosciuto in lingua originale proprio come “The Godfather”.

La seconda ipotesi vuole che il cocktail sia un chiaro omaggio ai famosi gangster italoamericani Al Capone e Jackie D’Amico, assidui frequentatori dei locali notturni dell’epoca.

Il drink fa parte della trilogia dei “Cocktail Criminali” insieme alla principale variante, il Godmother, ed il French Connection: i tre drink sono miscelati con Amaretto e, rispettivamente, con Scotch, Vodka e Cognac.

ZONA consiglia: il drink è ottimo da solo ma eccelle con pasticcini, cheesecake e biscotti: tiramisù con noci e caramello salato, zuppa inglese, baklava e crostate al cioccolato

TORNA ALL'ELENCO

Cosa occorre

Come si prepara

  1. Versare gli ingredienti nel bicchiere con ghiaccio e mescolare delicatamente.