minestra di pane

Minestra di pane

Presentazione

La minestra di pane o ribollita nella sua versione riscaldata, oltre a essere un piatto tipico della cucina toscana, in particolare di quella fiorentina, ha tutte le caratteristiche del tipico piatto invernale: il cavolo nero riccio, ottimo nel periodo successivo alle prime gelate invernali, i legumi, l’olio d’oliva, il pane raffermo.

In questi giorni di freddo ancora pungente, l’idea di andare al ristorante e poter scegliere dal menu un piatto di minestra di pane, meglio se ribollita, concilia anima e corpo anche dei più accaniti detrattori della cucina tradizionale.

Due consigli: preparatela in abbondanza perché la minestra di pane riscaldata, da cui ribollita, il giorno dopo sarà ancora più buona.

Inoltre tenete ben presente: il nome la vuole quale classica minestra di pane, ma senza il pane, la sola zuppa è ottima anche con la pasta sia fresca che secca come chiocciole, conchiglie, anelli o maccheroncetti.

TORNA ALL'ELENCO

Cosa occorre

Come si prepara

  1. Preparate il soffritto con il battuto di cipolla, sedano, porro, carote e patate. Aggiungete il cavolo tagliato fine.
  2. Passate al mixer metà dei fagioli e con la loro acqua di cottura aggiungeteli al soffritto così arricchito del cavolo nero.
  3. Successivamente unite la polpa di pomodoro o i pomodorini freschi, il dado e il peperoncino e fate cuocere per altri 20 minuti, aggiustando di sale e pepe.
  4. A parte tagliate a fettine sottili il pane raffermo e sistematelo in un tegame largo e fondo, aggiungendo un po’ di sale e pepe.
  5. Quando la cottura della minestra sarà ultimata versatela sul pane, assicurandovi che lo inzuppi bene e aggiungete i restanti fagioli interi che non erano passati dal mixer.
  6. Se avete qualche foglia di basilico, aggiungetela a questo punto. Aspettate 20 minuti prima di servire.
  7. Una volta servita nel piatto, invitate a condire la minestra di pane con una buona dose di olio di oliva.