Planter’s Punch

Presentazione

La ricetta del Planter’s Punch appare nel 1878 su di una rivista inglese, il “Fun”, ma pare che la ricetta originale sia ancora più antica: Jamaica e Barbados rivendicano la paternità del cocktail primordiale. Il gioco di parole che identifica il nome, “pugno del piantaiolo” si collega con il triste fenomeneo diffuso all’epoca: il drink pare infatti venisse dato come dissetante agli schiavi nelle piantagioni caraibiche della canna da zucchero. Con la moda dei rum mix oggi viene spesso presentato nelle carte dei cocktail bar come Rum Punch.

ZONA consiglia: si armonizza perfettamente con piatti esotici della cultura caraibica, tapas speziate e frittura di pesce di tagli grossi.

TORNA ALL'ELENCO

Cosa occorre

Come si prepara

  1. Versare gli ingredienti nello shaker, ad eccezione dell’Angostura, ed agitare vigorosamente; versare nel tumbler con ghiaccio, aggiungere 3 o 4 dash di Angostura Bitters e guarnire con ciliegina e fettina di ananas.