Yellow Bird

Presentazione

Le radici di questo cocktail sono da rintracciare nell’ambiente musicale haitiano del secolo scorso; più specificatamente nella famiglia Mills — focolare domestico con forte predilezione per la musica. Fu in questo nucleo, infatti, che i quattro fratelli afroamericani, oggi noti come Mills Brothers, furono stimolati a coltivare la loro passione per l’arte dei suoni — sin da infanti, si esibirono nel coro delle chiese di Piqua, e in seguito alla “Piqua’s Mays Opera House”. Nel 1928, ormai maturi, diedero vita a un gruppo vocale jazz e pop — ancora vivente per merito di talentuosi eredi —, che ha totalizzato nel corso degli anni più di 2.000 incisioni, 50 milioni di dischi venduti e almeno tre dozzine di dischi d’oro. Pare quindi che “Yellow Bird” sia il cocktail nato per celebrare l’omonimo brano dell’insigne complesso, a buon diritto ammesso nel 1998 alla Vocal Group Hall of Fame.

ZONA consiglia: ideale per pranzi o lunch veloci lo Yellow Bird si adatta molto bene in abbinamento con piatti a base di pesce, frutti di mare e pollo.

TORNA ALL'ELENCO

Cosa occorre

Come si prepara

  1. Versare gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio, agitare e versare attraverso lo strainer nel bicchiere precedentemente raffreddato.